Continuano le offerte Black Friday! Solo per oggi: approfittane subito!

DIFFERENZE TRA SCARPA DA TREKKING E SCARPA DA TRAIL RUNNING

ATTREZZATURA DA TREKKING

I diversi tipi di calzature necessarie per il trekking e le altre attività outdoor sono sempre al centro di numerose discussioni: qual è la scarpa più adatta per fare escursionismo? Che caratteristiche deve avere? E soprattutto quali sono le differenze rispetto ad altri tipi di calzatura?

Il mondo delle scarpe per outdoor è vario e molto complesso, per tale motivo è facile confondersi e fare la scelta sbagliata: per aiutarti a selezionare la soluzione adatta a te, oggi ti parliamo della differenza tra le scarpe da trekking e quelle da trail running! Anche tu usi un unico paio di scarpe per entrambe? Questa scelta potrebbe comportare diversi rischi. Impara ad abbinare la giusta scarpa ad ogni attività!

Scarpe trail running: caratteristiche

Iniziamo con le caratteristiche delle scarpe da trail running, chiamate anche "da trail". Ma prima soffermiamoci sulle caratteristiche di questo sport: come ti abbiamo accennato in un articolo precedente, si tratta di una corsa "offroad" che, a differenza del running, non si pratica su strada e asfalto, ma devia verso sterrati, terreni estremi di montagna, scoscesi e impervi.

Le scarpe devono assecondare movimenti agili e, allo stesso tempo proteggere il piede da pericoli in agguato. Per tale motivo, le calzature perfette sono aerodinamiche, leggere e scattanti, ma anche resistenti e protettive.

Per aiutarti a orientarti nell’acquisto delle tue calzature da trail, ecco un elenco di tutte le caratteristiche che non possono mancare:

  • La suola deve proteggere il piede da danni e rovinose cadute, perciò è necessario che abbia un buon attrito con il terreno e dei tasselli spessi e duri che permettano di arpionare il suolo e non farti scivolare, in particolare quando percorri una discesa.

  • Il puntale rinforzato è importante per proteggere le dita del piede in caso di contatto improvviso con ostacoli o altri imprevisti.

  • Il materiale che compone la tomaia deve essere resistente all'abrasione, senza mai perdere di vista il suo compito fondamentale di accogliere e fasciare il piede per dargli il maggior confort possibile.

  • L'allacciatura di questo tipo di calzatura è molto importante, molti sono i brevetti nati negli ultimi anni infatti, l'importante è che scenda abbastanza in basso verso la punta del piede per permettere una fasciatura precisa che non stressi solo il collo alto del piede, questo perchè durante l'attività il piede non possa scivolare in avanti ed andare ad urtare la punta della scarpa, soprattutto in discesa, compromettendo fortemente il benessere delle unghie!

  • L'avampiede può essere più costretto o più comodo in base alla tipologia di corsa che si deve affrontare, generalmente si costringe a un po più di sofferenza il piede durante le gare nelle quali si è più concentrati sulla prestazione che sulla protezione.

  • Anche per quanto riguarda l'ammortizzazione delle scarpe si possono avere variazioni in base all'attività che si deve affrontare, più protettive e stabili o più leggere, veloci e sensibili.

  • La leggerezza è un aspetto cruciale che consente di essere agili e veloci.

  • Sicuramente le scarpe da trail devono essere più lunghe di quelle normali, generalmente almeno un mezzo centimetro perché nel tragitto il piede ha sollecitazioni per le quali potrebbe urtare sulla punta come detto in precedenza, può dilatarsi su percorsi più lunghi, oppure è possibile indossarle con una calza grossa.

  • La scarpa da trail è normalmente progettata in due versioni: impermeabile o no. La scelta anche qui è soggettiva, ma anche dettata dall'ambiente e dalla stagione in cui si corre. Ricordiamo che i piedi più sono liberi di "respirare" e più stanno meglio, ma sicuramente un lungo percorso affrontato a piedi bagnati o in condizioni climatiche fredde porta a scegliere le calzature impermeabili con membrana in Gore-tex.

  • La scarpa da trail non ha quasi mai una correzione dell'appoggio del runner a terra, più che scarpe anti pronazione o supinazione, consigliamo di cercare un'appoggio più largo e stabile rispetto ad uno più snello e veloce per chi preferisce più protezione per la caviglia. D'altronde il terreno dei percorsi trail non permette mai un appoggio standard e in piano della scarpa sul suolo.

Queste sono le caratteristiche principali che devi ricercare quando acquisti la tua scarpa da trail running.

Quali sono i brand che assicurano tutte queste qualità?

Ti consigliamo i modelli di scarpe da trail running Salomon, come la Speedcross Pro: si distingue per la sua leggerezza, grazie ad una struttura termosaldata, quindi priva di cuciture. Flessibile e molto confortevole, permette di percorrere senza problemi superfici fangose e scoscese grazie alla suola resistente dotata di tasselli spessi e sicuri.

Anche marchi come Hoka One One e The North Face trattano ottime scarpe da trail: per vedere tutte le proposte visita il nostro shop online.
Vediamo ora quali sono le differenze rispetto ad una scarpa da trekking.

Trail running VS Trekking: sono uguali?

Le differenze tra i due tipi di scarpa sono diverse perché diversi sono gli obiettivi delle due attività:

  • Il Trail Running prevede movimenti agili, veloci e scattanti in terreni difficili (anche se non tutti i terreni di montagna sono uguali!) ed è quindi necessaria una scarpa leggera, che non appesantisca il corpo durante la corsa, ma anche protettiva, per evitare urti e danni provocati da rocce, cespugli o altri pericoli.

  • Il Trekking prevede movimenti più lenti, come la camminata lungo sentieri a volte già segnalati e praticabili. In questo caso è più facile prevedere il rischio perchè si avanza lentamente. Le scarpe, in questo caso, devono proteggere il piede e accompagnarlo in modo confortevole durante il tragitto, che si sviluppa per sentieri lunghi e di differente difficoltà.

Indossare una scarpa da trekking per praticare trail running potrebbe aumentare e anticipare il senso di stanchezza o causare dolore del piede, perché si tratta di una calzatura meno flessibile e adattabile ai movimenti del piede e degli arti.

Per quanto riguarda i materiali, quando si necessita di una scarpa impermeabile, per entrambe le attività consigliamo il Gore-tex, il tessuto sintetico e impermeabile che permette al piede di traspirare, senza bagnarsi e senza appesantirsi.
Non meno importante è il materiale della suola che deve proteggere la pianta del piede, ma soprattutto garantire la giusta aderenza al terreno che troviamo nella nostra attività outdoor. Il più conosciuto e in continua evoluzione è la gomma sviluppata da Vibram, Salomon applica alle sue calzature il materiale di ContaGrip e una novità affacciatasi un questo mondo è la suola ideata e prodotta da Michelin.

Insomma, la ricerca e le novità non si fermano certo qui! Continueremo a studiare e analizzare per voi quello che nel panorama dell'outdoor si presenterà!

Se prevedi di iniziare la tua escursione con una camminata e poi terminarla con una corsa per i sentieri, allora puoi indossare le scarpe da trekking e portare con te, in uno zaino delle giuste dimensioni, un paio di scarpe trail running di riserva che indosserai al momento opportuno, magari scegliendo il modello più leggero e veloce che hai nel tuo armadio!

Per comprendere tutte le peculiarità di una scarpa da trekking ti consigliamo di leggere un articolo precedente.
Se invece vuoi scegliere il modello più adatto alle tue attività outdoor, visita il nostro negozio online e trova le scarpe sportive da montagna perfette per te!


COMMENTI

Lascia un Commento